È iniziata ufficialmente ieri la quattordicesima edizione del Festivaletteratura, appuntamento che ogni anno accende una delle prime settimane di settembre riempiendo la città di Mantova di tantissimi eventi legati ai libri e alla lettura. Dopo un’annata, quella del 2014, particolarmente di successo (66mila biglietti venduti, 53mila partecipanti agli eventi gratuiti, più di 700mila persone raggiunte e coinvolte online), anche il Festivaletteratura 2015 si prospetta intenso e allettante per tutti gli amanti delle lettere.

Noi di Liberlist ci saremo da domani (venerdì 11) fino alla chiusura, affidata quest’anno, domenica 13 alle 18.30, all’incontro con il grande scrittore sudamericano Mario Vargas Llosa, Nobel per la letteratura nel 2010. Ma qui di seguito trovate una selezione degli eventi più interessanti che si possono seguire in questi ultimi tre giorni di Festival (qui invece il programma completo).

foto

Venerdì 11 settembre

La giornata può iniziare alle 10.45 alla Chiesa di Santa Maria della Vittoria con l’incontro Mille anni di scrittura occidentale, in cui Paolo Cammarosano, Matteo Motolese e Stefano Salis raccontano l’evoluzione culturale, sociale e tecnologica di uno strumento che usiamo tutti più o meno quotidianamente: la scrittura. Alle 14.30 nel portico del Cortile d’onore di Palazzo Ducale, David Le Breton parlare del suo libro Camminare (Edizione dei Cammini) e della passione per il trekking con lo scrittore italiano Davide Longo; in alternativa alle 14.45 alla Basilica Palatina di S. Barbara Antonia Arslan (l’autrice de La masserie delle allodole), Marcello Flores e Laura Mirachian tengono un incontro dedicato ai cent’anni dal Medz Yeghern, il genocidio armeno. Alle 16 in Piazza Castello Vinicio Capossela, Fabio Genovesi e Giuseppe Antonelli discutono sulla funzione dei Cantastorie contemporanei, mentre alle 16.30 nel Cortile d’onore Fabio Geda incontra il pluripremiato Percival Everett. Alle 18 nella Chiesa di Santa Paola Lars Saabye Chirstensen presenta con Saturnino e Francesco Abate il suo romanzo Beatles (Atmosphere). Triplo appuntamento in serata alle 21 con Kazuo Ishiguro che parla (in inglese) del suo rapporto col cinema alla Casa di Mantegna; o con Luigi Manconi e Maurizio Torchio che affrontano il delicato tema delle carceri a partire dai loro libri Abolire il carcere (Chiarelettere) e Cattivi (Einaudi); oppure con Alessandro Portelli a Palazzo San Sebastiano che presenta per Donzelli Il Boss e il suo popolo, su Bruce Springsteen, con John Vignola. Alle 22.30 Zerocalcare risponde alle domande dei volontari del Festival in Piazza Leon Battista Alberti.

Sabato 12 settembre

Alle 10 in Tenda Sordello Luca Scarlini parla di Katherine Mansfield e della biografia a lei dedicata da Pietro Citati, Vita breve di Katherine Mansfield (Adelphi); alle 11.15 ancora Kazuo Ishiguro con Michela Murgia al Palazzo San Sebastiano. Alle 14.30 a Palazzo Ducale l’autore finlandese Kari Hotakainen con Paolo Nori anima l’incontro Sorridere alla vita, mentre alle 15 alla Tenda Sordello Luca Sofri presenta il suo Notizie che non lo erano (Rizzoli); sempre lì ma alle 16 Nicola Gardini presenta La vita non vissuta, il suo nuovo romanzo da Feltrinelli. Alberto Angela parla dell’ultima notte di Pompei alle 16.45 in Piazza Castello, mentre alle 17.30 a Palazzo Castiglioni ci sarà un reading dedicato all’uscita di Va’ metti una sentinella (Feltrinelli), il seguito de Il buio oltre la siepe di Harper Lee. Alle 21.30 a Palazzo San Sebastiano Gabriele Romagnoli presenta il suo nuovo libro Solo bagaglio a mano (Feltrinelli).

Domenica 13 settembre

Al Teatro Ariston, domenica alle 10, lo scrittore Petros Markaris racconta della difficile situazione in Grecia e come la letteratura può raccontare questi momenti. Alle 10.15, altrimenti, a Palazzo Ducale incontro con Richard Flanagan, direttamente dalla Tasmania, o ancora, alle 10.30 alla Casa di Mantegna Francesco D’Adamo e Igiaba Scego (autrice di Adua, Giunti) raccontano la storia dll’assassinio del sindacalista tredicenne pakistano Iqbal Masish, protagonista del romanzo Dalla parte sbagliata (Giunti) di D’Adamo. Alle 14.30 al Teatro Ariston Roberto Costantini, giallista, e Marcello Fois parlano de La fascinazione del male, riferendosi anche alle tante serie tv “negative” in onda di questi tempi. Alle 16.45 a Palazzo Ducale Nicola Gardini incontra Bianca Pitzorno, autrice di un romanzo dalle tinte per lei inedite, La vita sessuale dei nostri antenati (Mondadori). Alle 17.30 alla Chiesa di Santa Maria della Vittoria Chicca Gagliardo racconta il senso della meraviglia fra arte e quotidianità.

 

Posted by Paolo Armelli