I miei consigli di lettura per quest’estate, ognuna associata al gusto di un ghiacciolo. Perché anche i buoni libri possono essere rinfrescanti.

Amarena, passione senza tempo

Marie-Renée Lavoie, Volevo essere Lady Oscar, Sperling&Kupfer

eai978882009338

Hélène è cresciuta in Québec negli anni ’80, guardando Lady Oscar in tv. E proprio come lei, si faceva chiamare con un nome da maschio (Joe) e agiva di conseguenza. Entriamo così in un universo tutto particolare, molto ironico e molto fantasioso, dove è la verità del proprio Io a dominare.

Fragola, amore che quasi sanguina

Caroline Kepnes, Tu, Mondadori

eai978885206123

Un amore che nasce per caso, quasi incredibilmente, fra una ragazza sbarazzina e un libraio un po’ nerd. Un amore che si trasforma in ossessione, aiutato dallo stalking sul web. Un libro terribile ma dalla scrittura perfetta, che tieni incollati in un misto di emozioni forti.

Arancia, risate brillanti

Chiara Moscardelli, Quando meno te lo aspetti, Giunti

eai978880981194

Col suo nuovo romanzo, l’autrice di Volevo essere una gatta morta e La vita non è un film, smette di parlare di un personaggio che porta il suo nome, ma non smette di parlare di donne che faticano a stare dietro alle pressanti aspettative degli altri. Ne esce un ritratto buffo, ma anche per certi versi spietato, delle relazioni d’oggi: il principe azzurro non è quasi mai perfetto e forse non se ne sente nemmeno il bisogno (oppure sì?).

Ananas, decisamente inaspettato

Alessandro Pozzetti, Auro Ponchielli contro la fine del mondo, NNeditore

eai978889925314

Era da tempo che un romanzo italiano non riusciva ad essere così pieno di inventiva, di humour e situazioni surreali. Pinguini, stitichezze, alieni, perversioni sessuali, viaggi nel tempo e chi ne ha più ne metta: un cocktail avvincente, una lingua taglientissima, risate assicurate.

Limone, tinte di giallo

L.R. Carrino, La buona legge di Mariasole, e/o

eai978886632649

Mariasole, appena rimasta vedova e con un figlio piccolo, si trova a prendere le redini di un clan della camorra dove vige una legge spietata dove il cuore non trova spazio. La donna dovrà ripercorrere gli eventi tragici che l’hanno portata fino a lì per venire a capo di una situazione apparentemente senza scampo.

Cola, frizzante al punto giusto

Fabio Genovesi, Chi manda le onde, Mondadori

eai978885206059

Un romanzo fresco e pieno di vita, anche se abbraccia molto spesso la morte e il dolore. Proprio come il mare, assoluto protagonista che tanto dà e tanto toglie. Tante “diversità” e solitudini si incontrano in quella che finirà per essere una famiglia strampalata e assolutamente non tradizionale.

Caffé, scuro e intenso

Daria Bignardi, Santa degli Impossibili, Mondadori

eai978885206503

Mila è moglie e madre. E anche molto altro. Soprattutto è una donna ricca di complessità, che cerca di riacciuffare la libertà a lungo soffocata con un gesto estremo. Un gesto che la riavvicinerà a quegli “impossibili” di cui è patrona Santa Rita da Cascia: ma il misticismo non c’entra, c’entra solo la direzione verso cui vogliamo portare il nostro destino.

Menta, da brividi

John Boyne, La casa dei fantasmi, Rizzoli

eai978885867785

Se credevate di essere troppo grandi per rimanere spaventati da un romanzo dovrete ricredervi: una casa in piena epoca vittoriana, immersa ovviamente nella nebbia, e due bambini che si capisce subito nascondono qualcosa di preoccupante. Tutti gli ingredienti del genere mescolati con sapienza e qualche originalità.

Cedro, fresco e pungente

AA.VV., L’età della febbre, minimum fax

eai978887521682

I migliori autori di narrativa under 40 che abbiamo nel nostro Paese (da Violetta Bellocchio a Vincenzo Latronico, da Vanni Santoni a Claudia Durastanti) si cimentano in 11 racconti che cercano di trasmettere lo spirito di questo nostro tempo irrequieto, contraddittorio, mutevole e febbricitante.

Anice, sapore vintage

Bianca Pitzorno, La vita sessuale dei nostri antenati, Mondadori

eai978885206552

Eravamo abituati a conoscerla come una delle più raffinate scrittrici per bambini e ragazzi. Ora Pitzorno stupisce tutti con un libro profondamente personale, una saga familiare che attraversa i secoli, le storie e perfino i sessi. Quasi una Recherche controcorrente e spesso trasgressiva.

Posted by Paolo Armelli